Nessun accordo con chi ha amministrato la città negli ultimi 10 anni

Questo è l’ultimo post sull’argomento (se non sarò ancora tirato in ballo) e confermo come abbiamo scritto nel programma elettorale: “nessun accordo con chi ha amministrato la città negli ultimi 10 anni”. Si può fare politica anche fuori dal consiglio comunale.

POLTRONE, NON ACCORDI

Rispetto alla ricostruzione della rottura tra il sottoscritto e il Pd su cui Orietta Salemi ritorna per l’ennesima volta, vorrei fare un’unica precisazione: i cosiddetti accordi che il Pd mi aveva sottoposto non erano tali ma erano solamente poltrone (assessorati, presidenze di enti…) che, in un contesto profondamente inquinato dalla prospettiva di una alleanza con Tosi (alleanza ora confermata dai vertici nazionali del Pd) non erano e non sono di mio interesse. Questo vale per l’accordo Pd-Tosi e vale anche per le voci messe in giro circa un mio presunto flirt con Sboarina.

In tempi di campagne antiscientiste vorrei pregare le persone ragionevoli del Pd di non tirare per la giacchetta anche la matematica: le percentuali raccolte con lo spostamento a destra del Pd sono inferiori a quelle raccolte 5 anni fa con la coalizione di centro sinistra. Bisognerebbe soltanto riconoscere che la proposta centrista non ha entusiasmato i 20 mila elettori che quest’anno si sono astenuti. Restiamo in attesa dell’ennesima “parola chiara” dei vertici democratici sulla santa alleanza con Tosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *